Facebook Like

Il Blog dell'Accademia Scacchistica Italiana

Non solo articoli e lezioni/videolezioni di scacchi, ma anche rubriche da parte dei nostri Istruttori e contributi di allievi e lettori.

  • Home
    Home This is where you can find all the blog posts throughout the site.
  • Categories
    Categories Displays a list of categories from this blog.
  • Tags
    Tags Displays a list of tags that have been used in the blog.
  • Bloggers
    Bloggers Search for your favorite blogger from this site.
  • Team Blogs
    Team Blogs Find your favorite team blogs here.
  • Login
    Login Login form
Subscribe to this list via RSS Blog posts tagged in Articolo per ELO 1800-2000

ESAME DI SCACCHI ONLINE: Ecco la soluzione al test n. 3 !

La seguente posizione si è verificata dopo la 18esima mossa del Bianco una partita del "nostro" Garcia Palermo, nella partita

GINZBURG - GARCIA PALERMO, La Carlota, 1995. Muove il Nero.

Esame di Scacchi test n.3

Domanda 1. Valutare la posizione 

Domanda 2. Cosa deve giocare il Bianco ? (a. 18...Cf6 b. 18...Ch6 con idea Cf5 c. indifferente)

Il Bianco ha una vantaggio leggero ma ben definito poichè il Nero è totalmente privo di controgioco. La coppia degli alfieri è decisamente superiore alla coppia dei cavalli, ed in caso di finale (cambio delle donne e/o delle Torri) questa superiorità può solo aumentare. Le debolezze nel campo bianco (specialmente quelle sul lato di Re) sono inaccessibili ai pezzi Neri la cui mobilità è praticamente pari a zero. Migliorare la mobilità dei pezzi neri è sicuramente un buon obiettivo, ma non ci sono i tempi necessari per farlo.

Per tutti i motivi sopra elencati, se il Nero giocasse 18...Cf6, la partita procederebbe normalmente con un leggero vantaggio del Bianco

In partita Garcia Palermo giocò 18...Ch6 proprio con l'idea di provare ad avviare un controgioco dopo la successiva 19...Cf5 (ottima casella per il cavallo). Il difetto più evidente di 18... Ch6 è lasciare la casa e4 in mano al Banco, il quale giocò appunto 19.De4, proponendo il cambio delle donne in e4, improponibile per il nero (se 19...Dxe4, 20.fxe4, il Bianco con coppia degli alfieri, struttura pedonale sana, e migliore attività di TUTTI i pezzi, avrebbe un vantaggio enorme).

Garcia Palermo aveva sicuramente previsto tale mossa, e replicò 19...Da6, per evitare il finale, forse pensando di avere il tempo di rientrare sul lato di Re con la Donna via b5/a5-h5/f5. 

Esame di Scacchi test 3 - variante

Gli era però sfuggita la debolezza tattica del Cd7 sospeso. Il Bianco avrebbe potuto giocare 20.Axe6 fxe6 21.Dxe6 e 22.Dxd7, dopodichè la posizione del Bianco (2 pedoni in più ed attacco sulla settima traversa) è schiacciante, e la debolezza delle sue case bianche sul proprio arrocco sono assolutamente insignificanti.

Il Bianco non sfruttò questo tema immediatamente, ma poche mosse più tardi, ottenendo comunque una posizione vincente, ma poi perse per una svista. 


DOMANDA 1: VALUTARE LA POSIZIONE

Chi ha risposto c) (leggero vantaggio Bianco), prende 5 punti

DOMANDA 2: COSA DEVE GIOCARE IL BIANCO

Se avetete risposto a) (18...Cf6)

  • guadagnate 5 punti SE AVEVATE PREVISTO sia il tentativo del Nero di evitare il finale (dopo 19.De4 Da6), sia il tatticismo che lo confutava (20.Axe6).
  • e invece avete risposto a) perchè ritenevate genericamente che la ritirata 18...Cf6  permettesse la centralizzazione 19.De4 ma non avete investigato oltre.

 

Hits: 3314
0

Claudio Negrini

Ritorna la rubrica di tecnica Claudio Negrini, Istruttore dell'Accademia Scacchistica Italiana. Questa settimana ci guida all'analisi della partita Carlsen-Gelfand giocata nel supertorneo appena concluso a Zurigo. Buona lettura !!


Carlsen,Magnus (2872) - Gelfand,Boris (2777) [D78]

Zurich Chess Challenge 2014 Zurich (1), 30.01.2014

[Negrini Claudio]

 

1.c4 g6 2.d4 Cf6 3.Cf3 Ag7 4.g3 c6 5.Ag2 d5 6.Da4

Carlsen, come avviene spesso, esce dalle vie battute in apertura. Difficile dare una spiegazione chiara su Da4 in luogo delle più consuete [6.0–0; 6.Db3; 6.cxd5]

 

6...0–0 7.0–0 Cfd7 [Penso che la semplice 7...Cbd7 non avrebbe avuto problemi di apertura 8.cxd5 Cb6 9.Da3 cxd5 10.b3=] 8.Dc2 Chiaramente la minaccia era Cb6, Carlsen vuole mantenere la tensione al centro e non vuole concedere senza un altro compenso il cambio in d5.

 

8...Cf6 9.Af4 Af5 10.Db3 Il Bianco ha giocato Da4-c2-b3, il Nero Cf6-d7-f6, e ora ci troviamo in una posizione normalissima in cui c'è un leggerissimo vantaggio per il Bianco nel finale che si profila con Db6

 

10...Db6 11.Cbd2 Ce4 12.e3 Dxb3 per creare la casa buona in b4, ma concedendo o una leggera iniziativa al Bianco, o un vantaggio dinamico per l'apertura delle colonne nell'Ala di Donna, perché, se non si vuole giocare 13...e6, è inevitabile dopo questo cambio, trovarsi con la colonna a e la colonna c aperta, e quindi con minacce di penetrazione lungo la c per via della pressione portata dalla Ta1

 

13.axb3 Ca6 [in realtà e6, per evitare la creazione dei pedoni b7 e b6 sembra possibile: 13...e6 14.Tfd1 (14.Cb1 per sfruttare l'addensamento di pezzi neri sull'Ala di Re, va incontro a una reazione attiva del Nero. 14...Af6 15.Ce1 g5) 14...Cxd2 15.Txd2 (15.Cxd2 Ca6 e ora il tentativo di sfruttare la posizione esposta dell'Af5 non porta a buoni risultati. 16.f3 c5 17.h3 cxd4 18.e4 e5!) 15...Ae4 16.Ce1 Axg2 17.Rxg2 Cd7 in vista di Cd3, la scelta Ca6 perde di efficacia. 18.Cd3 con il solito leggerissimo vantaggio.

La pressione che Carlsen mette nelle sue partite è sempre difficile da identificare, sembra di giocare contro un computer. Come ti muovi, sai che lui conserverà quel leggero vantaggio e che ti farà giocare molte mosse in una posizione che a gioco corretto è difendibile, ma che presenta comunque difficoltà pratiche.]

 

14.cxd5 cxd5

Carlsen- Gelfand - Zurigo 2014 Diagramma 1

15.g4! questa è una delle poche scelte che possono cercare di creare squilibri nella posizione.

Dopo Ca6 il Bianco non può prendere vantaggio dalle colonne aperte e semiaperte sull'AD, di conseguenza deve cercare di trarre beneficio dalla collocazione decentrata del Ca6. Per far questo prova ad aprire la lunga diagonale h1–a8, approfittando del fatto che 15...Axg4 [15...Cxd2 16.Cxd2 Axg4 (16...Ae6 17.Ta5 Tfd8 18.Tb5 e comunque, grazie alla semicolonna a, il Bianco può continuare nella sua strategia di logoramento, senza un margine chiaro, ma con un'iniziativa interessante.) 17.Axd5 è chiaramente favorevole.] 16.Cxe4 dxe4 17.Cd2 f5 18.f3 Siamo arrivati al punto chiave della partita.

Ho già notato altre volte come l'abilità di Carlsen di destreggiarsi tra i vari squilibri di materiale, spazio e struttura, sia fantastica. Il sacrificio di pedone ideato è completamente corretto, e fornisce al Bianco una splendida batteria di Alfieri che "martella" l'Ala di Donna. Giocare così magistralmente contro una scelta oggettivamente corretta come il posizionamento del Cavallo in a6 è veramente difficile.

Carlsen- Gelfand - Zurigo 2014 Diagramma 2


18...e5

La restituzione del pedone è obbligata per non incorrere in guai peggiori, ma poteva essere eseguita più tardi. [Credo che il Nero avrebbe avuto migliori chance difensive, con la linea 18...exf3 19.Cxf3 Tad8 20.Cg5 (20.h3 Ah5 21.Cg5) 20...e5 21.dxe5 Tfe8 22.Axb7 Cb4 e ora non si può Txa7 per 23.Txa7 h6 24.Cf3 Te7 e il Nero non ha problemi, se non quello di giocare contro Carlsen...]

 

19.dxe5 exf3 20.Cxf3 Tae8 21.Ta5 Ora il vantaggio dinamico del Bianco è innegabile.

21...Cb4 22.Cd4 in cambio di cinque pedoni orribili, il Bianco ha un’iniziativa molto forte, tutti i pezzi si dirigono nelle case ideali e la pressione sui pedoni a7 e b7, facilmente si concretizzerà in un guadagno di materiale.

22...b6 23.Txa7 Axe5 24.Ah6 Tf6 25.h3necessaria per togliere la protezione dell'Ag4 sul Pf5 e per creare temi di doppio attacco sulla quinta traversa. [25.Cc2? g5!]

25...Ah5?! [era meglio entrare nella linea 25...Axd4 26.exd4 Ae2 27.Tfa1 g5 28.Tg7+ Rh8 29.Te7 Tg8 30.Axg5 Txg5 31.Ta8+ Tg8 32.Txe2²]

Carlsen- Gelfand - Zurigo 2014 Diagramma 3

 

26.Cc2! anche il Re nero viene coinvolto nell'iniziativa del Bianco.

26...g5 [26...Cxc2 27.Ad5+ Tfe6 28.Tc1 e il Bianco recupera il Pezzo rimanendo con la qualità di vantaggio 28...Cb4 29.Axe6+ Txe6 30.Tc8+] 27.Axg5 Tg6 28.Txf5 ecco la spiegazione della mossa h3

28...h6 29.Axh6 Txh6 30.Cxb4 Axb2

Carlsen- Gelfand - Zurigo 2014 Diagramma 4

al termine di tutte queste complicazioni, il Bianco ha guadagnato due pedoni.

31.Cd5 Rh8 32.Tb7 Ad1 33.b4 Tg8 34.Ce7 Td8 35.Ae4 Af6 perdendo senza motivo un altro pedone. 36.Txb6 Rg7 37.Tf2

E Gelfand ha deciso che la tortura poteva finire...

 

Quale insegnamento possiamo trarre da questa partita?

La capacità di convertire continuamente gli elementi di squilibrio in altri elementi, e nel modo più corretto possibile (in questa partita, abbiamo visto Carlsen approfittare del decentramento di un Cavallo nero, per concedere parte della sua struttura in cambio di dinamica, poi materiale per dinamica e apertura di linee coinvolgendo anche la posizione del Re, per poi restituire parte di questa dinamica per ottenere un superiore vantaggio materiale), è caratteristica dei campioni.

Per far questo certamente serve una grande capacità tattica, ma anche una grande comprensione di come questi elementi interagiscono all'interno di una certa posizione.

Per me la grande abilità di Carlsen è questa, riuscire a trarre il massimo profitto dai piccoli margini che ottiene nel corso della partita.

Tenendo conto che non è ovviamente uno stile adatto a tutti, e non tutti possono rinunciare ai margini che può dare la perfetta conoscenza delle aperture, questo modo di giocare dimostra che è di grande importanza capire come sfruttare gli elementi presenti nella posizione.

E per far questo lo studio e la comprensione delle partite giocate (sia da noi che dai grandi campioni) è indispensabile. 1–0

 

 


 

 

Hits: 4199
0

Ecco la soluzione al test n. 2 !
La seguente posizione si è verificata nella partita
GOERING - MIESES, 1871, dopo la 17esima mossa del Nero. Muove il Bianco.

Esame di Scacchi test n.2

Domanda 1. Valutare la posizione 

Domanda 2. Cosa deve giocare il Bianco ? (a. Dh5 b. Df3 c. Dc5 d. Dg5)

Voglio citare l'analisi praticamente perfetta dell'amico Andrea Malfagia (Maestro FIDE):

Posizionalmente la coppia di alfieri e il vantaggio di spazio del Bianco valgono più della struttura pedonale più solida del Nero, senza contare che i suoi pezzi sono già tutti in gioco mentre quelli neri appaiono meno coordinati.

C'è tuttavia un problema dinamico legato al tatticismo Cxd4, del quale non tengono conto semplici ritirate come 18.Df3 o 18.Dh5.
(A seconda delle varianti seguirebbe la ripresa Dxd4+ oppure Txd4 con attacco doppio ai due alfieri sospesi - Redazione corsidiscacchi.it)

Non sono particolarmente entusiasta neanche di 18.Dg5, e non tanto perché la modifica strutturale conseguente a 18...Dxg5 19.fxg5 Ag6 (doppiatura contro semicolonna 'f') a lungo termine rischi di favorire il Nero (le possibilità dinamiche del Bianco sull'ala di re rimangono consistenti, data la possibilità di un assalto pedonale, e l'alfiere camposcuro può entrare in gioco con Af4), quanto perché il Nero può comunque tentare 18...Cxd4 con complicazioni poco chiare dopo 19.Dxf6 gxf6 20.cxd4 Txd4 21.Ac3 Txc4 22.Axf6 Tc6 seguita da 23...Te6.

Mi attira pertanto 18.Dc5, in primo luogo perché è l'unico posto in cui la donna rimane in contatto con d4, ma in secondo luogo perché nasconde un contropacco: 18...b6

Esame di Scacchi test 2 - variante

19.Axf7+ Rxf7 (19...Dxf7 20.Dxc6) 20.Dc4+ Rf8 21.Te6 e il Bianco recupera il pezzo restando con un pedone in più.

Se il Nero gioca 19...Rh8 20.Dc4 salva capra e cavoli in vista di 20...Ca5 21.De6. In terzo luogo, dal punto di vista strategico la mossa offre diverse prospettive, a cominciare dal fatto che in vista di manovre come Ac4-d5 o d4-d5 i punti c7 ed e7 rischiano di finire sotto attacco.

Nel complesso, quindi, il mio giudizio è che giocando così il Bianco resti in netto vantaggio.

L'unico punto sul quale non siamo completamente d'accordo con Andrea è l'entità del vantaggio bianco: è indubbio che dopo 18.Dc5 il Bianco, evitando i tatticismi su d4 (e sui propri pezzi sospesi) mantenga il suo vantaggio strategico iniziale.
Tuttavia riteniamo che la definizione "vantaggio netto" sia da intenersi come un vantaggio che dovrebbe condurre alla vittoria (sia pure dovendo superare difficoltà tecniche). In questa posizione, se il Nero cerca di riorganizzare i propri pezzi, per es. 18...Af5 il Nero è in situazione passiva ma ancora ampiamente difendibile ...

Quindi valutiamo che nella posizione il Bianco ha un vantaggio ben definito ma "leggero". 
 


DOMANDA 1: VALUTARE LA POSIZIONE

Chi ha risposto c) (leggero vantaggio Bianco), prende 5 punti SE AVEVA VISTO  sia il tatticismo Cxd4, sia la variante 18.Dc5 b6 19.Axf7+. In caso contrario, 0 punti :)
Chi ha risposto b) (netto vantaggio Bianco), prende 3 punti SE AVEVA VISTO  sia il tatticismo Cxd4, sia la variante 18.Dc5 b6 19.Axf7+. In caso contrario, 0 punti :)

DOMANDA 2: COSA DEVE GIOCARE IL BIANCO

Chi ha risposto c) (Dc5) guadagna 5 punti SE AVEVA VISTO  sia il tatticismo Cxd4, sia la variante 18.Dc5 b6 19.Axf7+. In caso contrario, 0 punti :)


 

Hits: 4712
0

Claudio Negrini

Ciao a tutti ! Oggi ospitiamo un articolo del pluridecorato Istruttore dell'Accademia Scacchistica Italiana, MF Claudio Negrini, universalmente apprezzato non solo come insegnante ma anche come autore di libri e DVD di scacchi.

Nell'articolo di oggi Claudio commenterà la fase decisiva della partita Movsesian-Volokitin giocata nel novembre scorso nel campionato europeo a squadre, nella quale il Bianco, dopo una condotta di gioco magistrale in apertura e mediogioco, non riesce a sfruttare il vantaggio nel finale e finisce addirittura per perdere.
La parola all'autore !


 

(1) Movsesian,Sergei (2700) - Volokitin,Andrei (2682) [A34]
EU-chT (Men) 19th Warsaw (4.4), 11.11.2013

Dopo un lungo lavoro, il Bianco ha ottenuto finalmente una posizione vinta. I modi di concretizzare non sono neanche troppo difficili a dire il vero, uno e' 47.b4? [Era possibile vincere più rapidamente con 47.Af4 Aa3 (47...Axf4 48.Cc5+) 48.d5 Cxb3 49.d6 Ca5 50.d7 Cc6 51.Re4 Rb7 52.d8D Cxd8 53.Cxd8+ con facile vittoria del Bianco.; Dopo 47.Axa5 Rxa5 48.Cc5 la variante vincente è lunga, ma credo che un giocatore come Movsesian non abbia problemi a calcolarla fino ad un punto dove puo' essere ragionevolmente convinto che la partita sia vinta, soprattutto perche' non ci sono diramazioni 48...Rb4 49.Cb7 Af8 50.d5 Rxb3 51.d6 Rc4 52.d7 Ae7 53.d8D Axd8 54.Cxd8 Rd5 (54...b4 55.Cc6) 55.Cb7! forse l'unica mossa difficile da vedere 55...Rc6 (55...b4 56.Ca5) 56.Ca5+ Rd5 57.Rf4 Re6 58.Rg5 Rf7 59.Cc6 Rg7 60.Cb4 Rf7 61.Cd5 Rg7 62.Rf4 Rf8 63.Re5 Rf7 e ora la partita e' facilmente vinta 64.Rd6 g5 65.Re5 Rg6 66.Re6 gxh4 67.gxh4 Rh7 68.Rf5 Rg7 69.Rg5 Rh7 70.Rxh5 Rg7 71.Rg5 Rh7 72.h5 Rg7 73.h6+ Rh7 74.Rh5 Rg8 75.Rg6 Rh8 76.h7 b4 77.Rh6 b3 78.Ce7 b2 79.Cg6#] 47...Cc6 48.Cc5+?! Movsesian si preoccupa di mantenere lo status della posizione, ma ora vincere non e' piu' semplice perche' ci son debolezze in d4 e g3. 48...Rb6 49.d5 Cxb4 ed ora la partita e' inevitabilmente pari 50.Ce4 Af8 51.Ae3+ Ra6 52.d6 Rb7

 

53.Ac5? tenere i pezzi leggeri e' inutile, anzi dannoso, e nei finali spesso il pedone laterale e' piu' forte di quello centrale, per cui ora il pedone b si fara' valere.  [Dopo Cc5 il bianco avrebbe ancora potuto provare ad indurre il nero all'errore, anche se si intuisce che la partita si avvia verso una semplificazione e il pareggio, per es. 53.Cc5+ Rc6 54.d7 Ae7 55.Ag5 Axg5 56.hxg5 Rc7 57.Re4 Cc6 58.Rd5 b4 59.Re6 Cd4+ 60.Re7 Cf5+ 61.Rf6 b3 62.Cxb3 Rxd7 (62...Cxg3 63.Rxg6 h4 64.Cc5 h3 65.Rf7 Cf5=) 63.Cc5+ Rd6 64.Ce4+ Rd5 65.Cc3+ Rd6! (65...Rd4 66.Ce2+ Re3 67.Rxg6 h4 68.Rxf5 h3 69.g6 e il bianco ha qualche chance pratica) 66.Ce2 h4!=] 

Probabilmente a Movsesian era sfuggita la semplice 53...Cd3 e ora all'improvviso il bianco realizza che e' lui a dover lottare per pattare

54.Ad4 [54.d7 Ce5+] 54...Rc6 55.Re3 [Se il bianco provasse a mettersi su casa bianca con 55.Re2 Cc1+ 56.Rd1 Cb3 57.Ae5 Ca5 e d6 cade ugualmente] 55...Cb4 56.Ac5 Ca6 57.d7 Ah6+ lo scacco intermedio che mette al riparo da ogni tatticismo. Ora la partita per il bianco si fa critica. 58.Rd4 Ag7+ 59.Rd3 Rxd7 60.Ae3 Cb4+ 61.Re2 Re6 62.Rf3 Cc6 63.Ad2 Rd5 64.Cf2 b4 65.Cd3 b3 66.Cf4+ Rc4 67.Ac1 Rc3 68.Aa3 Cd4+ 69.Re4 Cb5 70.Cd5+ Rd2 71.Ab4+ Cc3+ 72.Axc3+ Axc3 73.Ce3 Ae5 74.Cc4+ Rc3 0-1

 

 

Hits: 3764
0

 Prima di tutto, grazie agli allievi e lettori per la partecipazione: abbiamo ricevuto diverse risposte in privato ! :-)

La seguente posizione si è verificata nella partita ANDERSSON - HARTSTON, 1972. Muove il Bianco.

Esame di Scacchi test n.1

1. Valutare la posizione 

Il Bianco ha la Donna più attiva e la coppia degli Alfieri, ed i pedoni neri del lato di Donna sono sotto attacco.

Se il Bianco può catturare in c7 senza rischi, allora il suo è un VANTAGGIO NETTO, altrimenti la posizione è fra il LEGGERO VANTAGGIO BIANCO e la PARITA'. 

2. Cosa deve giocare il Bianco ? (a. Dxc7 -  b. bxa5 -  c. Ac5 - d. Dd1 - e. g4 - f. h3 - g. h4)

Se il Bianco gioca 36.Dxc7, prende matto in due mosse dopo lo spettacolare (ma semplice) sacrificio di Donna 36...Dh3+! 37.Rxh3 Af1#.

Come ha scritto il lettore Andrea Loi, nel suo eccellente commento, le uniche mosse che evitano il matto sono 36.Dd1, 36.g4, 36.h3 e 36.h4.


Tuttavia 36.h4 è da escludere poichè indebolisce molto l'arrocco dopo 36.... gxh4; 37.gxh4 Ch5; anche 36.g4 va esclusa dopo 36....Cxg4! ed il Bianco non può rimangiare in g4 pena attacco decisivo del Nero (le complicazioni dopo 37.Axg5 portano a gioco equilibrato)

Rimangono 36.h3 oppure 36.Dd1. A prima vista la mossa di pedone sembra preferibile perchè è davvero un peccato ritirare la Donna da una posizione così attiva. Tuttavia in casi simili è molto utile avvalersi della PROFILASSI, che NON E' IL SEMPLICE ESAME DELLE MINACCE DELL'AVVERSARIO (come molti erroneamente pensano) ma piuttosto "fare il piano per l'avversario, e regolarsi  di conseguenza", un concetto molto più ampio.
Il Piano del Nero è creare controgioco: infatti in caso di gioco passivo il Bianco può far soffrire  lungo il Nero, migliorando la propria posizione nel caso dell'eventuale cambio delle donne, rendendo la struttura di pedoni asimmetrica (dopo axb4 cxb4) nella quale gli alfieri sono assai più efficaci dei cavalli, specie in finale. Anche la futura centralizzazione dei re sarà più agevole per il Bianco che per il Nero (a causa dello spazio guadagnato dal B).

Tutti gli elementi summenzionati NON SONO SUFFICIENTI a garantire un vantaggio reale al Bianco, e tecnicamente potremmo parlare di "parità", ma chi ha dovuto difendere per ore dei finali in posizione passiva sa bene quanto è facile commettere un'imprecisione e scivolare in posizione quasi persa. Da questo punto di vista le partite del Campione del Mondo Magnus Carlsen insegnano.

Per cercare controgioco il Nero cercherà di penetrare nelle retrovie Bianche con la Donna, probabilmente sulle case bianche, per es. 36.h3 axb4; 37.axb4 (dopo cxb4, 37...Da6 è ancora più efficace) Da6 ed ora il Bianco deve rientrare con Dd1 in difesa del re poichè dopo 38.Dxc7?? Af1+ porta al matto.

Tanto vale rientrare subito con 36.Dd1 ed impostare la partita "alla Carlsen" (te la gioco fino alla morte), con un vantaggio pratico (ed in fondo, il famigerato "leggero vantaggio" non è altro che un vantaggio pratico...)


DOMANDA 1: VALUTARE LA POSIZIONE

Chi ha risposto c) (leggero vantaggio Bianco) o d) (parità), prende 5 punti SE AVEVA VISTO la minaccia di matto nera con Dh3+. In caso contrario, 0 punti :)

DOMANDA 2: COSA DEVE GIOCARE IL BIANCO

Chi ha risposto d) (Dd1) guadagna 5 punti. Chi ha risposto f) (h3) guadagna 4 punti. 
Chi ha risposto a),b) o c) (Dd1) PERDE 1 punto, ma si può consolare perchè in buona compagnia !! In partita il grandissimo campione Ulf Andersson giocò 36.Dxc7 e prese matto ! :) 


 

Hits: 3759
0

Rete di Matto partita Kozarev

Riceviamo e commentiamo con molto piacere la partita del nostro lettore Petar Kozarev dalla Bulgaria (ELO 1942). L'apertura è una nota variante della Partita Spagnola - Variante di Cambio, nella quale entrambi i giocatori seguono la variante principale fino alla 12a mossa. Dalla 13a mossa, il Bianco comincia a giocare in modo impreciso ed azzardato, portando il proprio re in un settore nel uale finirà per trovarsi nei guai, infilandosi in una gabbia di matto pericolosissima anche in assenza delle donne !

Ovviamente sono benvenuti commenti, osservazioni e domande da parte di tutti i nostri lettori e allievi :-)

Hits: 4612
0