Facebook Like

Il Blog dell'Accademia Scacchistica Italiana

Non solo articoli e lezioni/videolezioni di scacchi, ma anche rubriche da parte dei nostri Istruttori e contributi di allievi e lettori.

  • Home
    Home This is where you can find all the blog posts throughout the site.
  • Categories
    Categories Displays a list of categories from this blog.
  • Tags
    Tags Displays a list of tags that have been used in the blog.
  • Bloggers
    Bloggers Search for your favorite blogger from this site.
  • Team Blogs
    Team Blogs Find your favorite team blogs here.
  • Login
    Login Login form

ESAME DI SCACCHI - Soluzione al Test n.2

Posted by on in L'Esperto Risponde
  • Font size: Larger Smaller
  • Hits: 4030
  • 0 Comments
  • Subscribe to this entry
  • Print

Ecco la soluzione al test n. 2 !
La seguente posizione si è verificata nella partita
GOERING - MIESES, 1871, dopo la 17esima mossa del Nero. Muove il Bianco.

Esame di Scacchi test n.2

Domanda 1. Valutare la posizione 

Domanda 2. Cosa deve giocare il Bianco ? (a. Dh5 b. Df3 c. Dc5 d. Dg5)

Voglio citare l'analisi praticamente perfetta dell'amico Andrea Malfagia (Maestro FIDE):

Posizionalmente la coppia di alfieri e il vantaggio di spazio del Bianco valgono più della struttura pedonale più solida del Nero, senza contare che i suoi pezzi sono già tutti in gioco mentre quelli neri appaiono meno coordinati.

C'è tuttavia un problema dinamico legato al tatticismo Cxd4, del quale non tengono conto semplici ritirate come 18.Df3 o 18.Dh5.
(A seconda delle varianti seguirebbe la ripresa Dxd4+ oppure Txd4 con attacco doppio ai due alfieri sospesi - Redazione corsidiscacchi.it)

Non sono particolarmente entusiasta neanche di 18.Dg5, e non tanto perché la modifica strutturale conseguente a 18...Dxg5 19.fxg5 Ag6 (doppiatura contro semicolonna 'f') a lungo termine rischi di favorire il Nero (le possibilità dinamiche del Bianco sull'ala di re rimangono consistenti, data la possibilità di un assalto pedonale, e l'alfiere camposcuro può entrare in gioco con Af4), quanto perché il Nero può comunque tentare 18...Cxd4 con complicazioni poco chiare dopo 19.Dxf6 gxf6 20.cxd4 Txd4 21.Ac3 Txc4 22.Axf6 Tc6 seguita da 23...Te6.

Mi attira pertanto 18.Dc5, in primo luogo perché è l'unico posto in cui la donna rimane in contatto con d4, ma in secondo luogo perché nasconde un contropacco: 18...b6

Esame di Scacchi test 2 - variante

19.Axf7+ Rxf7 (19...Dxf7 20.Dxc6) 20.Dc4+ Rf8 21.Te6 e il Bianco recupera il pezzo restando con un pedone in più.

Se il Nero gioca 19...Rh8 20.Dc4 salva capra e cavoli in vista di 20...Ca5 21.De6. In terzo luogo, dal punto di vista strategico la mossa offre diverse prospettive, a cominciare dal fatto che in vista di manovre come Ac4-d5 o d4-d5 i punti c7 ed e7 rischiano di finire sotto attacco.

Nel complesso, quindi, il mio giudizio è che giocando così il Bianco resti in netto vantaggio.

L'unico punto sul quale non siamo completamente d'accordo con Andrea è l'entità del vantaggio bianco: è indubbio che dopo 18.Dc5 il Bianco, evitando i tatticismi su d4 (e sui propri pezzi sospesi) mantenga il suo vantaggio strategico iniziale.
Tuttavia riteniamo che la definizione "vantaggio netto" sia da intenersi come un vantaggio che dovrebbe condurre alla vittoria (sia pure dovendo superare difficoltà tecniche). In questa posizione, se il Nero cerca di riorganizzare i propri pezzi, per es. 18...Af5 il Nero è in situazione passiva ma ancora ampiamente difendibile ...

Quindi valutiamo che nella posizione il Bianco ha un vantaggio ben definito ma "leggero". 
 


DOMANDA 1: VALUTARE LA POSIZIONE

Chi ha risposto c) (leggero vantaggio Bianco), prende 5 punti SE AVEVA VISTO  sia il tatticismo Cxd4, sia la variante 18.Dc5 b6 19.Axf7+. In caso contrario, 0 punti :)
Chi ha risposto b) (netto vantaggio Bianco), prende 3 punti SE AVEVA VISTO  sia il tatticismo Cxd4, sia la variante 18.Dc5 b6 19.Axf7+. In caso contrario, 0 punti :)

DOMANDA 2: COSA DEVE GIOCARE IL BIANCO

Chi ha risposto c) (Dc5) guadagna 5 punti SE AVEVA VISTO  sia il tatticismo Cxd4, sia la variante 18.Dc5 b6 19.Axf7+. In caso contrario, 0 punti :)


 

0
Istruttore di Scacchi dal 1990.

Dal 1999 al 2002 Istruttore per la Berkeley Chess School (California).

Dal 2003 Istruttore Federale per l'Accademia Scacchistica Le Due Torri, poi Accademia Scacchistica Italiana.

Collabora in qualità di Istruttore federale con i siti scacchisti.it e FSIArena.

Dal 2010 è parte dello staff degli Istruttori Federali selezionati dal Comitato Regionale Emilia Romagna per l'analisi tecnica delle partite degli U16 alle Finali del Campionato Italiano Giovanile.

Dal 2012 Presidente del Circolo Scacchi DLF Rimini.

Nel 2014 ottiene il titolo internazionale di FIDE Trainer.

Tra i suoi allievi: Maurizio Brancaleoni (campione Italiano Giovanile 1992), Roberto Costantini Italiano U16 1993, 1999, 2000,2001), Laura Costantini (Campionessa Italiana Giovanile 1994-5-6-7-8-2000-2001-2002-2003), Virginia Colantuono (Vicecampionessa 2012-2013), Ieysaa Bin Suhayl (1°-2° a pari merito in Italia 2013, Campione Britannico 2013), Martin Percivaldi (Campione Danese 2008-2009-2010).

Comments

Leave your comment

Guest Thursday, 28 May 2020